Chef

Paolo Griffa è considerato uno dei giovani cuochi italiani più promettenti. Stimato dai grandi critici enogastronomici italiani curiosi di seguire la sua crescita, è noto anche dal grande pubblico italiano per le sue numerose apparizioni in trasmissioni televisive nazionali.

Sapeva fin da piccolo che avrebbe cucinato, dai primi approcci nella cucina di casa come aiutante di nonna e mamma. Crescendo afferma la sua passione per la cucina che studia, sperimenta, impara giorno e notte giocando, leggendo, studiando e cucinando ovviamente. Paolo si mette alla prova instancabilmente; è un vero e proprio stachanovista ironico, competitivo e preciso, noto anche per il suo umorismo dissacrante. 

Classe 1991, Piemontese, il giovane Griffa studia all’Istituto alberghiero Giovanni Giolitti di Torino che completa con il massimo dei voti. Nel suo percorso professionale, Paolo incontra e lavora assieme ad artigiani specializzati, ristoranti tradizionali e ristoranti stellati in Italia e all’estero, alcuni reputati tra i migliori ristoranti al mondo come Combal Zero (IT), Chateaubriand (FR), Studio (DK).

Dopo essere stato il giovanissimo sous-chef del Piccolo Lago di Marco Sacco (Verbania, Italia) dal 2013 a fine 2015, vince per l’Italia il Premio San Pellegrino Young chef 2015. Da marzo 2016 fa parte della brigata di Serge Vieira, Due Stelle Michelin e vincitore Bocuse d’Or 2005, a Chaudes-Aigues (Francia). Griffa è testimonial e chef creativo per Pavoni dal 2016, con il lancio di alcune linee di prodotti che uniscono pasticceria e ristorazione e ha collaborato alla scrittura e alle ricette di alcuni libri. Il 1 ottobre 2017 Paolo Griffa ha partecipato alla Selezione Italiana del Bocuse d’Or, da inizio dicembre 2017 diventa chef del Grand Hotel Royal e Golf a Courmayeur.

Tra ottobre e novembre 2019 il giovane chef si aggiudica tre dei premi nazionali più prestigiosi del mondo enogastronomico: la prima Stella Michelin, confermata per il 2020, i 3 Cappelli e il Premio di Giovane dell’anno per la Guida dell’Espresso 2020 e il Faccino Radioso de Il Golosario Ristoranti del Gatti Massobrio 2020. 

“Sono orgoglioso per me, per la mia intera brigata e per tutto lo staff dell’Hotel Grand Royal di Courmayeur di ricevere oggi quello che per me è il punto più alto della mia carriera fino ad ora” dice Paolo Griffa. ”L’emozione che provo mi dà conferma di tutto il lavoro svolto in questi anni insieme al mio team, che di certo non si fermerà qui. Non è un punto di arrivo, ma una grandissima partenza per tutti noi.”

Il 2019 si chiude con la pubblicazione del libro di Paolo Griffa, “Petit Royal”, una grande monografia illustrata che va oltre al solito libro pieno di ricette e fotografie raccontandoci, con dovizie di particolari, aneddoti e curiosità le varie fasi nella costruzione di un percorso degustativo. Si parte con diverse tecniche e procedure per proseguire con tutte le accortezze necessarie per la riuscita del pasto e per finire con alcuni esempi di “menù declinazione” più 45 ricette suddivise in estive e invernali.