Chef

Floriano Pellegrino, nato a Lecce il 21 novembre 1990, vissuto tra Trepuzzi e Scorrano, è uno chef italiano proprietario del ristorante Bros’, una stella Michelin a Lecce, in Salento.
Nel 2018 fonda la holding Pellegrino Brothers con la sua compagna Isabella Potì. L’azienda attualmente detiene i diritti del marchio Bros’, è proprietaria della trattoria Roots a Scorrano e si occupa della promozione dei due talent, Isabella Potì e Floriano Pellegrino.

Fonda inoltre il Bros Rugby Club, sempre gestito dalla holding, impegnato nel reinserimento di ragazzi delle periferie pugliesi in un circuito virtuoso, che tramite lo sport mira a coinvolgerli nel panorama professionale italiano ed internazionale.


La passione per la cucina nasce tra le mura di casa: la sua famiglia gestiva un agriturismo nel suo paese di nascita, Scorrano. Fin da piccolo dimostra una spiccata predisposizione verso il cibo e la cucina in generale, tanto che è d’aiuto, insieme ai suoi due fratelli, nella gestione dell’attività familiare. Dopo aver terminato gli studi alberghieri lascia il Salento, viaggia in tutta Europa approdando nelle più grandi cucine stellate, da Luis Andoni Aduriz, Eneko Atxa, Alexandre Gauthier, Rene Redzepi ed il francese Claude Bosi a Londra. Tra tutte le esperienze, quella alla corte dello chef Martin Berasategui segna molto il suo percorso professionale e umano, restituendogli, in termini di crescita, l’attitudine necessaria per diventare in breve tempo un cuoco contemporaneo completo.
Nel 2016 vince il premio Top di Domani, Touring Club, Sorpresa dell’anno dell’Indentità Golose e Premio Vent’anni per San Pellegrino e Acqua Panna. Nel 2017 ottiene il premio performance dell’anno per la guida l’Espresso. Il 22 Gennaio 2018 entra a far parte della lista di Forbes 30 Under 30 nella categoria Arte e a settembre ottiene il premio Rising star per The Best Chef Awards.

A novembre 2018 ottiene la prima stella Michelin e l’anno successivo viene chiamato per cucinare al gala in occasione della presentazione della Guida Michelin 2020. Nel 2019 ottiene il premio Chef Social dell’anno per Food Community Awards, ed il suo ristorante Bros’ raggiunge 4 cappelli per la Guida L’Espresso. A gennaio 2020 partecipa, con una delle principali presentazioni, a Madrid Fusion, uno degli eventi gastronomici più importanti al mondo. Nel settembre dello stesso anno, raggiunge la posizione 77 nel Top 100 di The Best Chef Awards e vince il “Prix au Chef de l’Avenir” per l’Acadèmie Internationale de la Gastronomie.