Siamo stati ospiti nelle cantine di Contadi Castaldi, una delle principali e grandi aziende della Franciacorta

Wine Tour
Articolo a cura di Gourmagazine
1 Luglio 2022

.

Contadi Castaldi è una delle principali aziende della Franciacorta, un territorio molto rinomato a livello internazionale per la qualità dei suoi vini. Questa azienda, in particolare, è un nome noto in quanto racchiude in sé una storia millenaria.

Quella di Contadi Castaldi è una tradizione dinamica, profondamente legata alle proprie radici quanto vivace e contemporanea. Il nome è una sintesi della storia più antica della Franciacorta: in epoca medievale i contadi erano piccole unità territoriali rinominate per la produzione agricola di eccellenza, mentre i castaldi erano i signori ai quali veniva affidato il governo delle terre.

A questo nobile passato, Vittorio Moretti e la moglie Mariella hanno voluto riallacciarsi, a partire dall’acquisto di una vecchia fornace dismessa e dei terreni circostanti. Contadi Castaldi vede la luce alla fine degli anni Ottanta, grazie a una nuova intuizione e alla capacità di tradurre in realtà l’ennesimo sogno a occhi aperti. La fornace diventa presto una cantina grazie a un restauro conservativo che la rende adatta alle nuove esigenze senza snaturarla. I suoi ampi volumi e le lunghe gallerie, utilizzate un tempo per la cottura dei mattoni, si rivelano perfetti per accogliere i frutti dell’impresa agricola, la vinificazione e l’affinamento dei vini. Così l’antico luogo di lavoro cambia la propria funzione, rivolgendosi alla terra e alla vigna, ma non tradisce le sue origini, mantenendo intatto lo stile e la vocazione del territorio.

.

.

Adro. Il nome sembra avere diverse ispirazioni etimologiche. Ader significa infatti luogo luminoso, sereno, ardente e pieno di sole, mentre Adrusco, in lingua antica, paese ricco di vigneti. Fatto sta che da tempo immemore le terre di Adro sono coltivate a vite, tanto che dei grappoli d’uva sono presenti nello stemma del comune. Il clima della zona è mite e temperato. Il Monte Alto protegge dai venti del nord e dalle nebbie della Pianura Padana mentre i suoli sono costituiti da rocce sedimentarie marine: calcari, marne e arenarie. Parte da qui un’immensa opera di zonazione che riguarda tutta la Franciacorta, i suoi terroir e le sue varietà. Un lavoro che ha permesso di mettere insieme 124 vigneti distinti e più di 174 ettari complessivi, dislocati in tutta la denominazione. Le variazioni geologiche e microclimatiche delle vigne, i diversi metodi di coltivazione, i caratteri e le varietà delle uve sono il segreto dell’azienda.

.

.

È il grande patrimonio di vigne, capaci di fornire un’ampia gamma di profumi e sapori, a determinare lo stile Contadi Castaldi. Da una parte una natura generosa, dunque, dall’altra il lavoro dell’uomo che deve tradurre in vino l’immenso materiale a disposizione. Per valorizzare al meglio ogni vendemmia è fondamentale la creazione della cuvée. L’orchestra capace di esaltare ogni singolo artista; l’istante in cui tutti gli ingredienti vengono assemblati per creare l’inconfondibile tratto Contadi Castaldi. È così che i Metodo Franciacorta della cantina trovano la loro cifra stilistica fatta di equilibrio e freschezza, visione e appartenenza territoriale.

.

.

Il logo Contadi Castaldi è la stilizzazione di un dettaglio della fase di produzione dei Franciacorta: l’affinamento in catasta.
Se si osservano le bottiglie a riposo all’interno dei tunnel, il simbolo tondo è la rappresentazione visiva del particolare fondo delle bottiglie destinate ai Franciacorta, mentre il secondo segno riproduce la forma del vuoto che si crea negli interspazi delle cataste. Un accostamento che, rimandando al doppio nome della cantina, pone l’attenzione sul valore del naturale e lento sviluppo di CO2 per raggiungere, attraverso un perlage fine e persistente, le più profonde e ampie sfumature di gusto. 

.

Durante la nostra visita abbiamo assaggiato:

.

Franciacorta DOCG Blànc

.

.

Un sorso affascinante fuso in un perlage dinamico che traduce l’essenza della materia in ricercata eleganza, la cui chiave d’interpretazione rimane la struttura piena in un paradigma di inedita razionalità, centro nevralgico di freschezza e pungente mineralità.

Intrecci di impalpabile gessosità, sbuffi di cipria, agrumi gialli, mandorla, sale, ginestra e caprifoglio, si leggono come tensione e profondità, un calice autentico, libero pensiero gastronomico. La grazia del sorso è la cifra stilistica imprescindibile, del quale stupisce il graffiante sviluppo verticale in un palato d’autore.

.

.

Franciacorta DOCG Satèn

Un vino profumato, che conquista per la sua originale freschezza gustativa. Lo stile è giocato sulla ricerca di armonia tra complessità e piacevolezza.
Il colore è giallo paglierino, con un perlage fine e persistente. Il naso è fre- sco ed elegante, con profumi netti di biancospino, di crosta di pane, note balsamiche, sfumature di mela renetta, fichi secchi e arachidi. Morbido in bocca, ma non dolce, ha un sapore fresco e gradevole. Il finale è lungo e deciso, di grande piacevolezza gustativa.

.

.

Contadi Castaldi ha scelto per le sue bottiglie una forma rivoluzionaria rispetto alla tradizione. Il raggio di curvatura è più ampio, il collo della bottiglia è più corto ed il suo diametro è ridotto. Ne risulta un sostanziale aumento della superficie sulla quale si depositano i lieviti, che è pari a quello dei grandi formati Magnum o Jeroboam. Un vantaggio di forma in grado di incidere sul contenuto. Tanto più ampia sarà infatti la superficie di contatto tra il liquido ed i lieviti depositati sulla bottiglia nella fase di affinamento, tanto maggiore sarà il grado di espressione gusto – olfattiva del vino grazie al ruolo dei lieviti, determinanti nel cedere sostanze utili allo sviluppo del bouquet espressivo di una cuvée Franciacorta. 

.

Wine Tour Partner:

Auto Zentrum Torino ______________________________________ Universo Foto

LEGGI ANCHE
Ca’ Del Moro: Un paradiso enogastronomico in Valpantena

Siamo stati al Ca' del Moro Wine Retreat, l’eco-resort firmato dall’azienda vinicola La Collina dei Ciliegi.

Wine Tour : Coppo 1892

Siamo stai a Canelli per visitare le Cantine Coppo, riconosciute dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Wine Tour: Giovanni Sordo

Siamo stati ospiti nella Cantina Giovanni Sordo a Castiglione Falletto. Una cantina che dal 1912 è fatta di tradizione, qualità Read more

Wine Tour: Cantina Ca’ Del Bosco

Siamo stati ospiti nella cantina Ca' Del Bosco in Franciacorta, una delle più moderne e avanzate cantine d'Italia.