Piazze e vie del centro di Alba (CN) in festa per la più grande enoteca a cielo aperto d’Italia

Articolo
Articolo a cura di Gourmagazine
5 Maggio 2022

La scorsa domenica abbiamo fatto visita a Vinum, la Fiera di Alba dedicata ai grandi vini del Piemonte, ed in particolare di Langhe, Roero e Monferrato.
Il festival del vino piemontese, che ha avuto il via lo scorso 23 aprile ed è giunto all’ultimo weekend (l’8 maggio è l’ultimo giorno di fiera), ha inizio alle ore 10.30 e si protrae fino alle ore 20.00. Si sviluppa in cinque punti strategici: Piazza Medford, dove è sito il Palazzo Mostre e Congressi “G.Morra”; Piazza C. Bubbio; Piazza Rossetti, Cortile della Maddalena; Piazza S. Paolo. In ciascuno di questi punti sono presenti diversi stand che offrono dell’ottimo street food a buon prezzo oltre che, ovviamente, dell’eccezionale vino.

Stand Barbaresco – Palazzo Mostre e Congressi

Presso il Palazzo Mostre e Congressi si possono degustare diverse etichette dei grandi vini rossi delle Langhe, come Barolo e Barbaresco, ma anche Nebbiolo, Barbera d’Alba, Diano D’Alba Superiore, Langhe Freisa, Langhe Rosso…
A pochi metri di distanza, in Piazza Bobbio, sono i bianchi delle Langhe a farla da padrone: Arneis, Langhe Bianco, Chardonnay e Favorita a volontà.
Molto suggestivo il Cortile della Maddalena, che offre Ovada Doc, Vini del Monferrato Casalese e Vini Doc del “Pinerolese”, oltre a dell’ottimo Gavi e dello squisito Brachetto d’Acqui.
Piazza Rossetti è dedicata al Roero ed ai Produttori della Città di Alba, mentre Piazza San Paolo propone Asti DOCG, Moscato d’Asti e le grappe piemontesi.

Piazza San Paolo, Alba

L’evento è organizzato e studiato nei dettagli: per poter degustare i sopraelencati vini bisogna essere muniti degli appositi carnet acquistabili ai punti cassa (ne è presente uno in ogni piazza).
Il “Carnet degustazione completo” offre 17 degustazioni dei vini del Piemonte, oltre a diversi buoni sconti per mostre e musei, al prezzo di € 30,00, mentre il Coupon 8 degustazioni viene proposto al prezzo di € 19,00. Ogni volta che viene degustato un vino, il sommelier oblitera un coupon, ad eccezione di Barolo e Barbaresco che valgono due ticket. Inoltre, inclusi nel prezzo, sono previsti un calice in vetro ed un taschino a tracolla porta-calice.
I sommelier si presentano tutti in uniforme con papillon e taste-a-vin al collo e sono pronti a guidarti nella scelta del vino da degustare.

Fabio Capello, giovane ed appassionato Sommelier

Non serve sottolineare la bontà e l’altissima qualità dei vini degustati, ma vale la pena spendere una nota di merito per una deliziosa scoperta: l’Ovada DOCG Riserva 2018 (cantina Alma). Questo rosso derivante da vitigno 100% Dolcetto, prodotto nell’Alto Monferrato Piemontese, vanta un gusto unico. L’invecchiamento in botte per oltre 24 mesi gli garantisce uno spessore non comune al classico Dolcetto, con un retrogusto di legno, cacao e mandorla.

Ovada Riserva DOCG 2018 – Cantine Alma

Oltre alle degustazioni, Vinum offre eventi, visite guidate ed un’apposita area bambini attrezzata con giochi didattici realizzati artigianalmente in legno e materiali naturali.  
Inoltre, vengono organizzati eventi a tema con chef di fama nazionale che presentano i propri menu in abbinamento ai rinomati vini DOC e DOCG del Piemonte.
Nel complesso possiamo dire che Vinum è ormai una garanzia che si perfeziona di anno in anno, e che ne consigliamo vivamente la partecipazione.

Unica piccola nota stonata la mancata presenza di vini del calibro di Ghemme e Gattinara, grandi classici di nicchia della zona, seppur non vini di Langa.

Articolo a cura di Davide Clivio

Degustazione Grappe Piemontesi – Piazza San Paolo
LEGGI ANCHE
Ca’ Del Moro: Un paradiso enogastronomico in Valpantena

Siamo stati al Ca' del Moro Wine Retreat, l’eco-resort firmato dall’azienda vinicola La Collina dei Ciliegi.

Trattoria Contemporanea: Il ristorante che non c’era

Siamo passati da Lomazzo, in provincia di Como per provare la cucina di Davide Marzullo, Chef di Trattoria Contemporanea.

Francesco Aquila: “Saremo alunni a vita”

Intervista a Francesco Aquila, protagonista assoluto e vincitore della decima edizione di Masterchef

Wine Tour : Coppo 1892

Siamo stai a Canelli per visitare le Cantine Coppo, riconosciute dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.